Rischi

I rischi associati all’intervento chirurgico sono quelli insiti in qualsiasi intervento chirurgico aperto o in laparoscopia.

Benché le complicanze chirurgiche di questo tipo di intervento siano minime, sussiste il rischio di decesso tipico di ogni tipo di chirurgia.

L’anestesia generale comporta sempre dei rischi per il paziente. Questi rischi sono più gravi per le persone significativamente sovrappeso.

I rischi comprendono:
• cardialgia
• reazione all’anestesia
• infezione
• imperfetta guarigione della ferita
• aritmia o infarto
• emorragia
• tromboflebite
• ematoma (raccolta anomala di sangue)
• danno tissutale o nervoso
• lesioni allo stomaco o ad altri organi interni
• diarrea o costipazione
• nausea o vomito
• decesso

Benché il rischio di infezione sia minimo, il paziente potrebbe sviluppare un’infezione con conseguente gonfiore, indolenzimento, dolore e febbre. Sebbene i materiali utilizzati per lo stimolatore
e l’elettrocatetere non dovrebbero causare una reazione allergica, esiste tuttavia il pericolo che tale reazione si produca. In questo caso, lo stimolatore e l’elettrocatetere dovranno essere rimossi
o sostituiti.

È possibile inoltre che lo stimolatore o l’elettrocatetere erodano la pelle penetrandola.

Se il sistema impiantato si guasta o risulta danneggiato, probabilmente si dovrà eseguire un altro intervento chirurgico per correggere il problema.

Il paziente potrebbe avvertire una sensazione di disagio se mangia in eccesso o assume più cibo di quanto il medico ritenga opportuno ai fini del dimagrimento.

Le donne in età feconda devono evitare di rimanere incinte se portatrici di un impianto di questo tipo. Se una donna portatrice di un impianto rimane incinta, dovrà spegnere immediatamente il sistema e tenerlo spento fino al termine dell’allattamento.